mercoledì 2 luglio 2008

Paticcio di pesche/pesche golose, as you prefere

Oggi è il mio giorno di riposo dalla palestra, il mio amico per andare a correre non era disponibile, quindi son proprio a casa, fino a stasera... Nulla può distogliermi dalla mia letteratura... No?? E invece sì! Ma poco poco, dai. Giusto per celebrare il riposo!
Ho fatto un dessert stra-veloce, prendendo spunto da un blog trovato per caso e di cui non mi ricordo assolutamente il nome (chiedo scusa, ma sono andata un po' a memoria), per far fuori delle pesche e calmare la mia voglia di dolce in modo non troppo burrascoso.





Ingredienti:
5-6 pesche mature
cioccolato fondente in gocce o da spezzettare
amaretti
burro
cocco



Ho unto di burro una pirofila, ci ho tagliato dentro le pesche (mi pare 6 piccole), poi ci ho sparso sopra delle gocce di cioccolato che mi rimanevano, e ho aggiunto a scaglie un quadrettone di cioccolato fondente da 20 g. Ci ho sbriciolato sopra grossolanamente 4 amaretti, e ho mischiato tutto.
Le pesche erano dolci, quindi non volevo mettere zucchero, ma poi ho optato per un esperimento... Al posto di un cucchiaio di zucchero, ne ho messo uno di cocco... Staremo a vedere.
Ho sbriciolato ancora una tazza di amaretti (io l'ho fatto con le mani, ma consiglio di tritarli più finemente), ci ho messo del burro morbido (più o meno 1/3 del volume degli amaretti... Mi pare di ricordare che la ricetta dicesse così, ma non ero sicura e sono andata a occhio), e ho lavorato con le dita formando una specie di crumble. L'ho sparso sopra il composto di pesche, e ho infornato a 180° per mezz'ora. Occhio a coprire sopra con un foglio di alluminio nel caso le briciole diventassero troppo scure.

Sarebbe da mangiare tiepido o freddo, non fate come me che come al solito non so aspettare e ho ancora in corso le caldane come in menopausa.
Altra cosa: se dovete servirlo a degli ospiti, preparatelo già in contenitori monoporzioni, perché... Ecco... io l'ho mangiato, ma a raccoglierlo si presenta così:



... e capisco che non sia proprio il massimo, servire questa montagnola franante, pur se buona.
Molto più "in" presentare una bella scodellina per commensale, tutta intera, che poi penserà lui a distruggere.

Ps: Cambio tutto e dico: mangiatelo freddo!!! Ieri l'ho messo in frigo, stamattina l'ho assaggiato e... non riuscivo più a smettere!! Oltre ad avere un aspetto assai più presentabile e riuscire a tagliarlo, è stra-migliore!! Sì sì, provatelo!

Pps: ma cosa sono questi strani commenti che mi appaiono??? Lottery??? ma che roba è??!?? Mi puzza tanto...






10 commenti:

  1. The owner of this blog has a strong personality because it reflects to the blog that he/she made.

    RispondiElimina
  2. Baw, kasagad-sagad sa iya ubra blog!

    RispondiElimina
  3. So that those who will accidentally visit your site will not waste there time with this stupid topics.

    RispondiElimina
  4. So that those who will accidentally visit your site will not waste there time with this stupid topics.

    RispondiElimina
  5. So that those who will accidentally visit your site will not waste there time with this stupid topics.

    RispondiElimina
  6. tesoro ma che delizia!!!
    ps anche io non so resistere e distruggo tutto quando è ancora caldo :S
    a presto!

    RispondiElimina
  7. panettona: meno male che non sono l'unica!!! adesso vado a papparmene un pochino visto che a pranzo sono stata leggerissssssimissima!

    RispondiElimina
  8. Ma sono le pesche ripiene !!!
    Sono strabuone, solo che se vuoi presentarle bene, le dividi in due, le scavi un pochino dove c'era il nocciolo e poi riempi con l'impasto ed inforni.
    Confermo il freddo !
    La ricetta regge benissimo anche un poco di cacao o di cioccolata fondente sbriciolata...
    :)

    RispondiElimina
  9. mister q le ho fatte così proprio perchè per farle ripiene devono staccarsi bene dal nocciolo, mentre le mie restavano tutte appiccicate, così mi sono ingegnata!! comunque grazie dei consigli, uomo di casa;)!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...